Trucchi e opzioni di Desktop Remoto

Ci sono una serie di opzioni che permettono di lavorare meglio con il desktop remoto di windows. Alcuni di questi parametri possono essere richiamati dal pulsante opzioni della finestra visuale.

Ma forse non tutti sanno che è possibile connettersi a desktop remoto anche dalla linea di comando (DOS)  oppure dal comando esegui, attraverso il comando:

mstsc.exe /v:nomePC

dove naturalmente nomePC è il nome del PC a cui connettersi o il suo indirizzo.

Uno dei problemi più grossi che si hanno con Desktop Remoto è la possibilità di interagire con un utente connesso. Su PC normali questo non è possibile. Ma su un server, mediante l’opzione /admin si può vedere il desktop dell’utente connesso (per esempio per controllare i servizi o gli stati visibili nella system tray)

Nella tabella seguente sono elencate i parametri che si possono attivare in concomitanza di una connessione remota:

opzione descrizione
/v:<nomePC[:porta]> obbligatorio: permette di specificare il nome del PC o il suo indirizzo.
si può anche aggiungere la porta preceduta da :
/admin per connettersi alla sessione attiva (solo per server)
/f per mostrare il desktop remoto a pieno schermo
/span per adattare il desktop del pc controllato a quello del vostro pc
/w:<larghezza> per configurare la larghezza della finestra in cui gira desktop remoto
/h:<altezza> per configurare l’altezza della finestra in cui gira desktop remoto
/? per richiamare l’help completo dei parametri

remoteDesktop

Queste opzioni sono utilizzabili anche nella finestra visuale di avvio di desktop remoto, quindi senza necessariamente passare da esegui o da una sessione dal terminale.

Le opzioni possono anche essere attivate contemporaneamente tipo:

mstsc.exe /v:nomePC /f

Il desktop remoto di windows funziona anche attraverso una connessione internet: in questo caso, il computer da controllare deve permettere l’ingresso di comunicazioni dalla porta RDP, ovvero la porta 3389. Certo in questo caso per motivi di sicurezza, soprattutto se ci si connette a server, sarebbe meglio attivare una connessione protetta attraverso un tunnel VPN.

 

Lascia un commento